immagine casuale

smp8.JPG

 

viale

 

FESTEGGIAMENTI 2017

programma madonna 2017

    La terra che trema

L'Incubo senza fine. Notizie dal web:

 Alcune notizie prese dal web dove si testimonia la continua attività sismica nel luogo.

http://www.agi.it/cronaca/2017/01/18/news/montereale_lepicentro_del_sisma_raso_al_suolo_nel_1703-1381063/

Patria di due beati - Andrea da Montereale e Domenico da Cesariano - e dell'ingegnere edile cui si deve la costruzione del quartiere Talenti di Roma, Montereale ha radici che affondano nel 1100, quando gli aborigeni ...

https://it.wikipedia.org/wiki/Terremoto_dell'Aquila_del_1703

Terremoto di L'Aquila del 1703


http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2017/01/18/montereale-epicentro-del-terremoto.-scosse-fortissime-siamo-fuggiti_b442dc4a-0edf-4f5e-a8f0-84f9bbc63ab4.html

Montereale, epicentro del terremoto. Distrutto dal sisma del 1703 FOTO E VIDEO


http://www.repubblica.it/cronaca/2017/01/22/news/terremoto_la_commissione_grandi_rischi_possibili_altre_scosse_fino_a_magnitudo_7_si_controllino_scuole_e_dighe_-156593481/

Terremoto, la Commissione Grandi rischi: "Possibili altre scosse fino a magnitudo 7. Si controllino scuole e dighe"

Ancora scosse tra L'Aquila e Rieti. 04 settembre 2010 16:06

Prosegue lo sciame sismico tra Montereale (L'Aquila) e Borbona (Rieti) ai confini di Lazio e Abruzzo. Nella zona, nelle ultime ore, sono stati registrati tre eventi strumentali percepiti anche dalla gente. Dopo le due scosse nella mattinata, entrambe di magnitudo 2, un nuovo evento di magnitudo locale 2.9 - secondo quanto riportato dall'European-Mediterranean Seismological centre (Emcs) - e' stato rilevato a 3 chilometri da Montereale alle 15.27.

http://www.siciliainformazioni.com/giornale/cronaca/101824/incubo-senza-fine-ancora-scosse-laquila-rieti.htm


INGV su Montereale venerdì 3 settembre 2010

L’INGV dedica un report alla sismicità dell’area di Montereale. "L’area compresa tra Montereale e Cittareale è inserita nella zona a maggiore pericolosità sismica del nostro paese. Ciò deriva – si legge – dalla sua storia sismica, caratterizzata da importanti terremoti, dalle analisi geodetiche, che individuano l’area in una zona a deformazione attiva, e dalla presenza di importanti strutture sismogenetiche attive.  La storia sismica dell’area è segnata dai due grandi terremoti del 1703. Le due forti scosse del 14 Gennaio e del 2 Febbraio 1703 sono avvenute immediatamente a nord e a sud dell’area interessata dalla sequenza in atto. La grandezza dei due eventi è stata stimata attraverso analisi macrosismiche e indicano una magnitudo pari a 6.8 e 6.7 per gli eventi rispettivamente del 14 Gennaio e del 2 Febbraio, magnitudo sensibilmente maggiori rispetto al terremoto del 6 Aprile 2009.................http://www.mpl.it Movimento per L'aquila

http://www.mpl.it/?p=10890

Terremoto: giornata di scosse sui Monti Reatini. Paura a Montereale

In terremoto di magnitudo (Ml) 3.6 è avvenuto stamattina alle ore 09:12:52 italiane (07:12:52 31/Ago/2010 - UTC).

Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico dei Monti Reatini.

I Comuni prossimi all’epicentro sono stati Borbona, Cagnano Amiterno e Montereale. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

dal sito della protezione civile http://protezionecivilenews.info/archives/1435

Prosegue monitoraggio Prefettura. Tensostruttura a Montereale, molti hanno dormito in auto

Continua l’allerta delle istituzioni e degli amministratori sulla situazione che si è creata dopo che nell’ambito dello sciame sismico nella zona del comune di Montereale si sono registrate numerose scosse, alcune anche di entità preoccupante. Stamani in Prefettura è proseguito il continuo monitoraggio della situazione con il prefetto, Giovanna Iurato, in contatto continuo con i sindaci dell’Alta Valle dell’Aterno e con le forze dell’ordine. Nel pomeriggio, su iniziativa della Protezione Civile regionale potrebbe essere montata in uno spazio del territorio di Montereale una tensostruttura attrezzata per favorire l’aggregazione delle persone soprattutto nelle ore notturne. Infatti nelle ultime due notti nei comuni dell’Alta Valle dell’Aterno moltissime persone hanno dormito all’interno delle proprie auto. La paura e l’incubo di una scossa forte, peraltro non esclusa dagli esperti sentiti nella giornata di ieri, è tornata anche nel capoluogo dove molte persone hanno mostrato preoccupazione e paura. Anche nell’ufficio del Commissario per la ricostruzione, Gianni Chiodi, c’é la massima allerta anche in questo caso i contatti con le forze dell’ordine e le istituzioni sono continui.

http://www.improntalaquila.org/2010/09/01/articolo9517/

Montereale: chiuse tutte le chiese a causa delle continue scosse A Montereale il Commissario prefettizio inviato dalla Prefettura dell’Aquila ha disposto la chiusura di tutte le chiese del territorio comunale. Tutte le messe sarann celebate all’aperto compresa quella dell’Assunta di domani 15 agosto. La decisione ha suscitato preoccupazione, non solo tra gli abitanti e i residenti turisti che in questo periodo affollano le località abruzzesi anche in seguito alle continue scosse sismiche, le ultime due avvertite dalla popolazione appena ieri.

La sequenza sismica, o la prosecuzione dello sciame culminato il 6 aprile 2009, colpisce una zona epicentrale tra Montereale, Borbona, Cittareale, Cagnano Amiterno e Capitiginano. Il fenomeno è tenuto d’occhio dagli esperti, che tuttavia non emettono giudizi nè comunicati, temendo conseguenze. Nessuno parla di allarme o di altre situazioni capaci di generarlo. Viene ribadito che nessun terremoto è prevedibile, ma c’è chi si rifà alla storia sismica dell’area, più volte interessata in passato da sismi rilevanti. La prima misura di prudenza, quindi, è stata chiudere le chiese, che tuttavia non sono certamente i soli edifici non antisismici o storici o semplicemente vecchi e antichi in cui si riuniscono più persone. La paura è tornata nella zona di Montereale e nei dintorni.

http://www.6aprile.it/featured/2010/08/14/montereale-chiuse-tutte-le-chiese-a-causa-delle-continue-scosse.html

Video: Montereale, case insicure abitate mentre la terra trema

(da Abruzzo24ore.tv) A Montereale il commissario straodinario del Comune aveva disposto alcuni giorni fa la chiusura delle chiese del paese. Poi a seguito della vibrante protesta del parroco e di non pochi paesani, l’ordinanza è stata limitata solo alle chiese e luoghi pubblici già inagibili.

C’è chi però a seguito delle scosse più udibili a Montereale e frazioni, dorme in macchina, in particolare coloro che vivono in una delle tante vecchie case in pietra non a norma anti-sismica del paese, e forse indebolite dalle tante scosse............http://www.6aprile.it/media/video/2010/08/21/video-montereale-case-insicure-abitate-mentre-la-terra-trema.html


20 settembre 2010

Breve volo tra lo sciame. Domenica pomeriggio nel distretto sismico dei Monti Reatini.

.............................

Visto che nessuno delle amiche e degli amici ha voluto accompagnarmi, sono andato comunque, da solo a fare un giro in un "tranquillo weekend di paura".

E, dato che la Vespa del giornalismo pubblico italiano preferisce il Campiello ai piccoli Campi di accoglienza che si stanno allestendo a scopo precauzionale nella sua terra, decido di andare a fare io un breve "volo" per vedere quello che da giorni qui a L'Aquila si sa: cioè che stanno mettendo su tende, tendoni e tensostrutture nei comuni interessati da questo nuovo sciame sismico, per rendermi conto di persona.

Prima tappa è Montereale: Qui ci sono due punti di accoglienza, uno nella frazioneMadonna in Pantanis, l'altro nei pressi della Residenza SanitariaAssistenziale della ASL 4 di L'Aquila................................

 

Montereale (AQ) - Punto di accoglienza nella frazione di Madonna in Pantanis.

Arrivando al primo, quello posto nella frazione di Madonna in Pantanis, trovo un furgoncino Unità Operativa Mobile della Protezione Civile di Teramo, con tre volontari che stanno preparando l'interno e l'esterno di un tendone beige targato Ministero dell'Interno

L'Espresso blog

Accesso Utenti

Visite agli articoli
104918

qrpantanisblu

Cesariano

Cesariano: belle villette oggi sono state edificate in questa piccola frazione, nella quale vi è anche un allevamento di cavalli ed esistono (cosa ormai rara nel 2008) alcuni asini

 

Marignano

Marignano: (8827 slm 22 ab) con la più piccola Marignanettu, dal nome del fondatore. Nei pressi di Marignano sorge la frazione MADONNA IN PANTANIS, che anticamente contava 15 abitanti, fra i quali la famiglia del guardiano del cimitero e quella di un mugnaio; infatti nelle vicinanze della chiesa vi sono ancora i resti di un vecchio mulino ad acqua.

Marignano

Cavagnano

Cavagnano: (861 slm 34 ab) trae il suo nome dalla concavità del luogo. Il paese è stato edificato con caratteristici vicoli, intorno ad una sorgente, la cui acqua veniva raccolta in un vecchio pozzo. vi è una chiesetta dedicata alla Madonna della Neve, festeggia il 17 agosto.

FOTO 2010

Colle Cavallari

Colle Cavallari:ebbe origine dalle antiche famiglie Merilli e Sacchi.

Foto 2010 

Storiche 1

 

Cavallari

Cavallari: (836 slm, 39 ab.) i cui abitanti, come ricorda il nome, erano famosi per l'allevamento dei cavalli; nei pressi del paese una bella cascata, in una vallata suggestiva.

 

San Vito

S. Vito: (853 slm, 27 ab.): ebbe origine dai discendenti del distrutto piè di Castello. Dietro il paese vi è un piccolo mulino ad acqua, con lo stemma di Montereale; merita una citazione il Palazzo palmieri, recentemente restaurato.

Colle Calvo